Come Investire in Modo Sicuro

Investire senza rischi è da sempre la preoccupazione del risparmiatore quando deve scegliere un investimento. Questa preoccupazione si è accentuata dopo che la crisi in atto ha dimostrato che non esiste investimento senza rischio.

Prima della crisi il massimo della sicurezza per un investimento erano sicuramente i Bot e i titoli di Stato in genere, sicurezza che è venuta meno dopo che la congiuntura economica negativa ha dimostrato che anche gli Stati possono fallire. Forse si può realmente investire senza rischi nei titoli di Stato tedeschi, ma è bene sapere che essi offrono rendimenti addirittura negativi.

Per cui possiamo soltanto consigliare di rispettare alcune regole fondamentali per controllare il rischio degli investimenti. Le possiamo così riassumere
analizzare bene le proprie caratteristiche di investitore ed il proprio grado di rischio sopportabile, soprattutto emotivamente;
lo scopo dell’investimento è quello di proteggere i propri risparmi dall’inflazione, per cui è bene nvestire in strumenti finanziari che conservino nel tempo il valore di acquisto e che aumentino il loro valore reale;
una riserva di liquidità per far fronte agli imprevisti va sempre accantonata; detenere liquidità in eccesso, ad esempio su un conto corrente, è invece dannoso perchè vuol dire far perdere potere di acquisto ai propri risparmi, in quanto i tassi di interesse reali sulle disponibilità liquide sono negativi. Inoltre, se si considera che anche le banche sono soggette a fallimento, per cercare di investire senza rischi è molto meglio avere un portafoglio diversificato e allocato professionalmente che non il cash sul conto in banca;
per almeno il 90% dei risparmiatori investire senza rischi significa impiegare i risparmi comprando titoli obbligazionari a breve termine e titoli indicizzati all’inflazione;
il controllo del rischio di un portafoglio obbligazionario è raggiungibile attraverso una diversificazione di diversi emittenti, rating, duration, settori economici, settori geografici e obiettivi di rendimento. Concentrare gli investimenti su pochi emittenti anche con tripla A può essere una scelta fatale per il portafoglio;
in momenti contingenti molto negativi diversificare investendo anche in beni reali, come immobili, oro, arte, ecc.;
investire senza rischi selezionando sempre strumenti finanziari liquidabili in qualunque momento e ai prezzi di mercato;
disinteressarsi della maggior parte delle informazioni che riguardano l’andamento di breve periodo dei mercati, perchè non solo è una perdita di tempo ma potrebbe essere anche controproducente, perchè può portare ad avere reazioni emotive irrazionali.

Molto interessante.

Cessione del Quinto Compass – Caratteristiche

La cessione del quinto è una soluzione che viene proposta ai lavoratori dipendenti quando hanno bisogno di un finanziamento. Si tratta di un prestito concesso a coloro che lavorano sia nel settore privato che nel settore pubblico.

Compass propone una soluzione come cessione del quinto semplice da richiedere e dedicata, tra gli altri, specificatamente ai lavoratori del settore privato, fino a 30.000 euro.

Con la cessione del quinto di Compass puoi avere un prestito che arriva anche fino a 30.000 euro e che puoi rimborsare entro un periodo massimo di 10 anni.

Per poterne far domanda non devi far altro che presentare la tua ultima busta paga.

Dopo aver presentato la domanda di cessione del quinto, solitamente entro poco tempo ricevi la risposta di fattibilità da parte di Compass. Qualora questa sia positiva potrai ricevere la somma di denaro che hai richiesto entro pochi giorni.

Compass consente di sottoscrivere questo finanziamento anche come prestiti per cattivi pagatori.

Per avere più informazioni sulla cessione del quinto di Compass, oltre che su altri prestiti personali Compass, è possibile contattare il servizio clienti seguendo questa guida su Numeriassistenzaclienti.net o accedendo al sito dell’azienda.

Come Funziona lo Stop Loss

Lo stop loss, letteralmente “stop alla perdita“, è una strategia per chiudere una posizione quando si è raggiunta una perdita prestabilita. Si tratta di ordini di vendita inseriti presso il proprio broker ad un livello più basso del prezzo di acquisto, subito dopo aver aperto la posizione in borsa. Lo stop loss può essere inserito in automatico, nel trading online, direttamente attraverso la piattaforma di banking online (la maggior parte delle piattaforme di trading fornisce questo strumento operativo).

Con lo stop loss, quindi, si tende a salvaguardare il capitale investito, nel caso in cui l’andamento della borsa avesse una direzione negativa, smobilizzando una posizione che continua a perdere, e questo vale tanto per le azioni quanto per i Fondi o gli Etf. Lo stop loss è la strategia più efficace da adottare per la gestione del rischio di investimento. Facciamo un esempio.

Compro delle azioni e, in base alla mia propensione al rischio, posso mantenere la posizione fino a quando non arrivo a perdere il 10%. In questo caso scatta lo stop loss che ho già inserito online al momento dell’acquisto (o dovrò subito dare ordine alla mia banca nel caso non operassi via internet) e la posizione viene subito liquidata, evitando quindi che la perdita possa diventare molto più consistente. Lo stop loss ha una funzione protettiva, in quanto mi deve mettere in condizione di recuperare le perdite spostandomi su un altro investimento. Non bisogna mai insistere sullo stesso titolo che presenta un trend ribassista.

Questo aspetto viene sempre trascurato o poco considerato, a causa di una mancanza di metodo e disciplina. Sono molti gli investitori italiani che si ritrovano sul proprio dossier azioni Telecom Italia a 8 euro (oggi vale 1 euro circa), Seat Pagine Gialle a 2 euro (oggi vale pochi centesimi), oppure Tiscali a 30 euro (oggi vale meno di 1 centesimo), e lo stesso si potrebbe dire per alcuni fondi azionari o addirittura obbligazionari.

La strategia dello stop loss nel trading online deve essere ferma e determinata. Certamente può accadere che si verifichi un rimbalzo, ma di solito capita che le perdite si amplifichino e anzichè chiudere ad un -10% chiudiamo ad un -30%, quando ormai rassegnati, saremo costretti allo stop loss dalla disperazione. Quindi, ripetiamo, metodo e disciplina sono elementi indispensabili per evitare perdite consistenti.

Per quanto riguarda l’entità dello stop loss, dipende dalla propensione al rischio di ciascun investitore. C’è chi è disposto a perdere non più del 5-10%, mentre altri accettano un tetto più alto.

Chi opera in borsa e investe improvvisando, di solito spera che le piccole perdite possano essere recuperate velocemente e teme che i piccoli profitti possano subito riassorbirsi. Questa errata impostazione porta l’investitore non professionista a realizzare spesso perdite pesanti, anche del 30-40%, su azioni che sono state mantenute senza stop loss. Per correggere questo atteggiamento occorre avere una precisa strategia operativa, cioè avere le idee chiare sui livelli di profitti (stop profit) che si vogliono realizzare e sulle perdite che si è disposti a subire. Per ogni investimento si devono stabilire dei paletti di uscita sia in profitto sia in perdita. La scelta può essere effettuata personalmente o con l’aiuto di un consulente (promotore finanziario, banca).

Concludendo, è valido dunque il detto borsistico tagliare le perdite e lasciare correre i profitti.

Come Funzionano le Carte Conto

upponete di essere molto giovani, di avere magari iniziato da poco a lavorare e di avere quindi bisogno di uno strumento per la ricezione dello stipendio che sia economico, ma che allo stesso tempo vi consenta di effettuare anche qualche acquisto online. E’ chiedere troppo?

Decisamente no, almeno se si guarda a quella che è l’offerta di servizi tipica delle carte conto. Sono le ultime nate nel paniere dei servizi bancari, e promettono di diventare con il tempo lo standard più comunemente utilizzato per la gestione delle finanze per singoli così come per nuclei famigliari.

Le carte conto nascono dall’unione a freddo tra i conti correnti tradizionali e le carte prepagate; di ognuno dei due “genitori” hanno preso e perso qualcosa, riuscendo così nella creazione di un mix di servizi “leggeri” (e quindi in grado di tenere molto bassi i costi) ma efficaci.

Dal conto corrente tradizionale la carta conto ha ereditato l’IBAN che oltre allo stipendio ci permette di ricevere (ed emettere) bonifici di ogni tipo, così come tramite carta conto è possibile effettuare pagamenti speciali come F24, MAV, RAV, nonché richiedere la domiciliazione delle utenze domestiche tramite flusso RID. Si tratta in pratica a tutti gli effetti di una vera e propria carta prepagata con iban.

Come per una carta di debito le carte conto permettono invece di effettuare in Italia ed all’Estero pagamenti di ogni tipo alle casse degli esercizi commerciali o su Internet se si fanno acquisti online.

Quando convengono?

Tutte la caratteristiche viste ci fanno capire che lo scenario ideale per l’utilizzo di una carta conto è proprio quello del giovane alle prime armi con conti e banche, che tuttavia si vuole dotare di strumenti di pagamento comodi e funzionali. La carta conto non conviene invece a chi, per lavoro o per necessità personali, tende a sforare di frequente il proprio limite di spesa mensile. Con le carte conto infatti (a differenza dei conti correnti tradizionali) è possibile effettuare bonifici e prelievi solo per le cifre effettivamente presenti in giacenza: in pratica non si può andare in rosso nemmeno volendolo. In compenso però, e questo farà felice il giovane di cui sopra, non essendo assimilate ai conti correnti tradizionali, alle carte conto non si applicano le spese di bollo governativo, ed anche per questo sono spesso gratuite (soprattutto quelle online).

Di contraltare, proprio perché non assimilate ai conti correnti, alle carte conto non si applica il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi che garantisce le cifre depositate fino ad un massimo di 100 mila euro in caso di fallimento della banca.

Come Investire in Oro

Tra i piccoli e medi risparmiatori le soluzioni più diffuse sono, da qualche anno, soprattutto due.

La prima è rappresentata dai fondi comuni di investimento azionari che investono in aziende minerarie del settore aurifero, cioè in società che sono impegnate in tutto il mondo nell’estrazione dell’oro. In genere, se il prezzo dell’oro aumenta, anche le le azioni di queste società aumentano di valore. A dire il vero, però, non sempre è così. Occorre ricordare, infatti, che i fondi di investimento di questo tipo sono comunque prodotti azionari che risentono dell’andamento delle Borse. Durante la crisi finanziaria del 2008, questi prodotti sono arrivati a perdere in media anche il 25%.

La seconda soluzione, che riteniamo più efficace per investire in oro senza affrontare i rischi del settore azionario, è quella di puntare sugli Etc (Exchange traded commodity). Questi strumenti finanziari consentono ai piccoli e medi risparmiatori di investire nelle materie prime, come il petrolio, i prodotti agricoli (mais, soia) e, appunto, l’oro. I risparmiatori acquistano quote dell’Etc (che è negoziabile in Borsa in ogni momento, durante l’orario di contrattazioni, come qualsiasi titolo azionario) ed il denaro versato serve per comprare un determinato quantitativo d’oro, che viene conservato sotto forma di lingotti nel caveau di una grande banca internazionale.

Ciascuna quota dell’Etc corrisponde, anche se indirettamente, alla proprietà “fisica” dell’oro. Per cui, se il prezzo dell’oro sale, anche le quotazioni dell’Etc si muovono nella stessa direzione. Gli Etc non hanno scadenza, cioè possono essere acquistati e tenuti in portafoglio anche per parecchi anni.

Nelle Borse internazionali in genere l’oro viene scambiato attraverso strumenti finanziari derivati (opzioni e futures) il cui funzionamento è di difficile comprensione per i risparmiatori che hanno poca dimestichezza con la finanza. Gli Etc invece sono strumenti più semplici dei derivati, ma non sempre. Occorre prestare molta attenzione, per esempio, al fattore cambio, perchè sono quasi tutti quotati in dollari. Se l’euro si rafforza sul dollaro si rischia di avere rendimenti negativi al punto da annullare l’eventuale rialzo del prezzo dell’oro.

Comunque possiamo dire che gli Etc in oro rappresentano uno strumento adatto anche ai piccoli e medi risparmiatori e sono strumenti di diversificazione che offrono buone opportunità, soprattutto perchè l’oro (e le materie prime in generale) non è strettamente correlato con i principali mercati di investimento come quello azionario e obbligazionario.

Copyright Indipendente Lucano 2018
Shale theme by Siteturner