Come Investire in Azioni

L’investimento azionario, nel 2018, potrebbe tramutarsi nella scelta migliore per tutti i trader che desiderano potersi conquistare qualche ghiotta opportunità di conseguire facili redditività. Secondo alcuni analisti, infatti, per un investitore che desidera ottenere dei rendimenti particolarmente significativi, l’azionario può rappresentare una delle scelte più utili, anche considerando il fatto che – valutata l’attuale situazione dei tassi – è praticamente impossibile cercare di investire nei mercati obbligazionari.

Investimenti azionari e rischi: quale è la situazione attuale?
Investire nel ciclo azionario potrebbe inoltre tramutarsi meno rischioso di quanto non fosse nel recente passato. Certo, l’impiego nel mercato azionario è per definizione un investimento di lungo termine per i più prudenti, ma anche chi non ha una propensione al rischio troppo elevata può comunque ben pensare di diversificare il proprio portafoglio strizzando un occhio di intesa proprio all’azionario.

Qualche utile spunto? Oggi l’indice SP ha già raggiunto quota 2.100 punti, superando di circa il 40% i massimi del 2000, quando invece era a quota 1.500 euro. L’Eurostoxx 50 è invece oggi a circa 3.400 punti, pur lontanissimo dai picchi del 2000, quando invece raggiunse i 5.500 punti. Sempre nel 2000 l’indice di maggiore riferimento della Borsa di Tokyo aveva raggiunto i 1.800 punti, 400 punti in più della soglia attuale.

Pur di scarsa rappresentatività per gli investitori, sembra dunque che i margini di apprezzamento siano particolarmente presenti (magari, in misura inferiore per lo SP che – tuttavia – secondo alcuni osservatori potrebbe crescere ancora).

Investire nell’azionario: l’euro come fattore di rischio?
Per gli investitori italiani (ma non solo) un aspetto fondamentale nell’orientare i propri investimenti sarà rappresentato proprio dall’euro, moneta unica che nel corso del 2014 ha perso il 12% nei confronti del dollaro, e che da inizio anno ad oggi ha ceduto altri 7 punti percentuali (minori sono invece le perdite nei confronti della sterlina).

A giudizio di buona parte degli investitori, oggi converrebbe cercare di investire proprio in euro, considerato che acquistare asset in altre valute più “forti” potrebbe limitare l’apprezzamento o comportare un rischio maggiore. Pertanto, la visione positiva dei mercati azionari per il 2018 potrebbe essere abbinata in maniera sinergica alla possibilità di investire in euro. Ne deriva che uno dei segnali di trading più forti nel corso degli ultimi mesi è proprio quello di posizionarsi sui listini del vecchio Continente, con un ingresso ben diversificato e graduale, che possa essere ponderato all’interno di una strategia di investimento ancora più ampia, che non vada – naturalmente – a sottovalutare gli altri sbocchi di trading.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright Indipendente Lucano 2018
Shale theme by Siteturner