Come Investire nelle Fasi di Congiuntura Economica

Il più delle volte la decisione di investire in Borsa dipende dai dati macroeconomici che sono alla base della tendenza generale dei mercati. Una congiuntura economica negativa determina chiaramente una fase di borsa ribassista e i singoli titoli, anche con giudizio positivo dato dall’analisi fondamentale, difficilmente andranno controtendenza. E così accade anche in fase di congiuntura economica positiva.

Sappiamo che la Borsa sconta in anticipo le variazioni della congiuntura, per cui è bene tenersi aggiornati sui dati macroeconomici, che sono determinanti nell’andamento dell’economia. L’analisi della congiuntura, negli anni, ha fatto passi da gigante, con indici settoriali che aiutano a indicare le tendenze dell’economia.

Ci sono Istituti specializzati che studiano i dati pù importanti del sistema economico e dei mercati. Il Pil (prodotto interno lordo), l’inflazione, il costo del denaro, il costo del lavoro, i consumi, gli investimenti, la disoccupazione, gli indici di fiducia dei consumatori e delle imprese, le esportazioni e le importazioni, la politica monetaria della Banca Centrale Europea (BCE), la politica fiscale del governo, sono tra le più importanti variabili economiche e hanno un peso determinante sul trend del mercato azionario, sono i dati principali della macroeconomia.

La microeconomia studia invece i comportamenti dei singoli operatori economici, si occupa dei rapporti economici tra le persone, studia il comportamento dei singoli agenti economici, come i consumatori, i lavoratori, gli investitori, le imprese. Grazie allo studio del comportamento delle singole imprese e dei consumatori, la microeconomia ci rivela come operano e si evolvono i settori industriali e i mercati.

Forse non ce ne accorgiamo, ma passiamo una buona parte del nostro tempo a occuparci di economia. L’attività quotidiana di ognuno di noi, i nostri discorsi, le nostre scelte, anche le più banali, i nostri desideri e le nostre paure, i progetti e le speranze, hanno tutti un contenuto o un significato economico.

Se andiamo al mercato a fare la spesa sceglieremo prodotti che, secondo noi, abbiano un rapporto qualità/prezzo ottimale, facendo così una scelta economica. E così anche se decidiamo di acquistare una casa, e per farlo risparmiamo, facciamo una scelta economica. Ma l’economia non si limita alle scelte. In ufficio, in famiglia, si parla di retribuzioni, di guadagni futuri, di progetti, di investimenti da fare.

Quindi anche i sogni e le ambizioni di un individuo hanno come base l’economia. L’economia entra anche nelle paure e preoccupazioni che non tutto vada per il verso giusto, come un investimento sbagliato, un affare andato a male, la perdita improvvisa del posto di lavoro. Anche questa è microeconomia, che non è un indice, ma presenta contorni indefinibili e aleatori come la natura umana.

Questa è l’economia reale, con leggi e regole, è il modo di essere dell’uomo. La legge del profitto individuale non è dovuta ad una ideologia, ma alla sopravvivenza, all’incertezza per il futuro che ci costringe oggi a risparmiare. Tutto questo è per noi la microeconomia, della quale, nelle nostre decisioni di investimento, occorre tenere conto.
E la Borsa che c’entra? Diciamo che l’ottimismo è la molla che ci spinge a fare, a investire. Senza quel senso di fiducia nel futuro, dettato dall’ottimismo, non si investirebbe in Borsa, né in qualsiasi altra attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright Indipendente Lucano 2018
Shale theme by Siteturner