Cosa Sono gli ETF

Prima di iniziare la trattazione sugli ETF, vogliamo sottolineare che l’argomento verrà affrontato da diversi punti di vista e suddiviso in differenti sezioni, così da permettervi di consultare facilmente la parte che più vi interessa.

Ma se d’altra parte per voi questa è la prima volta che sentite parlare di ETF, o se ancora sentite la necessità di acquisire maggiori informazioni, vi consigliamo vivamente di prendere visione di tutte le parti di questa guida.

Cominciamo subito con il definire lo strumento finanziario: ETF è l’acronimo di Exchange Traded Fund, e constiste in una particolare tipologia di Fondi di investimento, autorizzati dalla Banca d’Italia e dalla Consob, che si differenziano dalle SICAV e dai Fondi comuni di Investimento per alcune caratteristiche.

Gli ETF sono nati negli USA nel gennaio 1993 con lo “Standard & Poor’s Depositary Receipts (SPDRs)” che replica l’indice S&P 500, mentre solo nel mese di settembre 2002 sono sbarcati in Italia.

– Le SICAV sono delle società di investimento a capitale variabile autorizzate e regolamentate in Italia, introdotte nell’ordimento italiano con il D.Lgs. n.84 del 1992; vengono create al solo scopo di raccogliere, tramite offerta pubblica di azioni, capitale da investire collettivamente.

– I Fondi comuni di investimento, istituiti in Italia con la Legge n° 77 del 1983, sono, al pari delle SICAV, degli organismi di raccolta di risparmio privato. I risparmiatori affidano la gestione del denaro a società di intermediazione autorizzate, appositamente create per raccogliere ed investire collettivamente, diversificando sul mercato mobiliare, il denaro raccolto.

Gli ETF sono parzialmente equiparabili ai Fondi Comuni di Investimento, ma si differenziano dalle SICAV per il fatto che il patrimonio degli ETF (così come quello dei fondi comuni di investimento) è completamente autonomo e separato da quello della società che ne gestisce il fondo.

Questo ne determina una notevole sicurezza, soprattutto rispetto ad altri investimenti, se la società che gestisce il fondo fallisce, ciò non intacca il patrimonio dell’ETF, di conseguenza l’investitore rimane tutelato.

Gli ETF, negoziati in borsa dal 2002, hanno ottenuto un enorme successo tra gli investitori e speculatori, forte non solo del basso rischio, ma anche del fatto che gli stessi si caratterizzano per le basse commissioni di gestione, in genere inferiori ad un punto percentuale, di conseguenza decisamente appetibili, anche se, proprio perché banche ed intermediari non possono applicare commissioni elevate, sono poco pubblicizzati.

Gli ETF si caratterizzano per una gestione passiva e per l’essere quotati in borsa come fossero azioni o obbligazioni.

Il loro unico scopo consiste nel replicare il valore di indici obbligazionari, azionari o di materie prime, e di conseguenza riprodurre gli eventuali rendimenti.

Gestione passiva significa infatti che il rendimento dipende dall’andamento dell’indice di riferimento e non dall’ abilità del gestore. Il portafoglio viene amministrato replicando semplicemente un indice di riferimento, così se ne ottiene la stessa performance.

Gli ETF si distinguono in ETF a distribuzione che pagano dividendi, ed ETF ad accumulazione che reinvestono i dividendi prodotti.

Meglio gli ETF o i CFD sugli ETF?
Se la vostra propensione all’investimento si limita ad affidare ad un intermediario il compito di gestire il vostro denaro, dovete decisamente optare per gli ETF o per gli ETF strutturati che tra l’altro offrono una gestione strutturata, cioè mettono in pratica strategie di diversificazione.

Potete investire sugli ETF contattando la vostra banca oppure il vostro consulente di fiducia

Se invece nel vostro sangue scorre una maggiore propensione alla gestione, al controllo totale del capitale investito, all’assunzione di rischi, alla speculazione finanziaria, ed alla ricerca di profitti più elevati, potete propendere per i CFD sugli ETF utilizzando uno dei broker online Autorizzati e regolamentati dall’Autorità della Condotta Finanziaria.

Cosa sono i CFD
I CFD, relativamente a cui è possibile vedere anche questa guida su Dizionarioeconoico.com, detti anche contratti per differenza, sono degli strumenti derivati che replicano il valore di un sottostante, cioè di un bene come azioni, obbligazioni, forex, indici, materie prime, e consentono quindi di ottenere, anche grazie alla leva finanziaria, notevoli rendimenti dalla speculazione degli stessi. In questa sezione dedicata agli ETF non ci dilunghiamo troppo sui CFD, per maggiori informazioni sull’argomento vi invitiamo a leggere la guida sui CFD.

I vantaggi di Speculare con i CFD sugli ETF
Il vantaggio di speculare con i CFD sugli ETF è chiaro, ottenere elevati profitti su uno strumento che invece garantisce rendimenti discreti a basso rischio.

ETF strutturati: Leveraged ETF, ETF allo scoperto, ETF protective put
Alcune banche, broker ed intermediari finanziari, offrono la possibilità di negoziare ETF innovativi (chiamati anche ETF Strutturati), che non si limitano a replicare i rendimenti, ma che consentono di attuare strategie difensive o speculative. Stiamo parlando degli ETF allo scoperto o short selling, dove è possibile scommettere sui ribassi dell’indice assumendo posizioni ribassiste, dei leveraged ETF, dove è possibile scommettere con l’effetto leva, o degli ETF protective put, utili per adottare strategie per difendersi da eccessivi ribassi.

Gli ETP (Exchange Traded Products)
Qualcuno avrà sentito parlare di ETP o di ETF indistintamente, ciò può creare confusione, quindi vediamo di chiarire.

Quando si parla di ETP (Exchange Traded Products) ci si riferisce agli strumenti finanziari ad indice quotati, quali appunto gli ETF (Exchange Traded Funds), ma anche agli ETN (Exchange Traded Notes) e agli ETC (Exchange Traded Commodities). In breve, ETP è un termine per raggruppare Gli ETF, gli ETN e gli ETC.

Abbiamo già descritto gli ETF, quindi non ci resta che parlare degli ETN e degli ETC.

Gli ETC e gli ETN sono degli strumenti finanziari derivati cartolarizzati.

Exchange Traded Commodities
Si tratta di strumenti finanziari che replicano passivamente l’andamento di materie prime fisiche oppure di contratti derivati su materie prime. Il loro valore è quindi strattamente legato all’andamento del sottostante. Gli ETC consentono di negoziare anche singole materie prime come oro, petrolio, argento ecc ecc, a differenza degli ETF, dove l’investimento deve essere per regolamentazione diversificato.

Exchange Traded Notes
Come per gli ETC si tratta di strumenti finanziari derivati, ma in questo caso replicano passivamente l’andamento di indici differenti dalle materie prime, come ad esempio indici obbligazionari, indici di valute o indici azionari.

Gli ETC si differenziano dunque dagli ETN per il sottostante, nel primo caso è una materia prima, mentre nel secondo caso tutti gli altri.

Perché investire in ETF Strutturati?
A differenza dei normali ETF, gli ETF strutturati consentono di adottare strategie protettive o strategie speculative.

Gli ETF strutturati consentono
Di coniugare i benefici derivanti da un investimento tipico in ETF (risparmio gestito passivamente), ma anche di adottare una gestione dinamica, potendo ad esempio avvalersi delle leva per moltiplicare i profitti.

Vendere allo scoperto (short selling) adottando strategie di investimento più complesse, senza necessariamente possedere il sottostante, e quindi cercando di ottenere un profitto dal ribasso dell’indice.

Come Utilizzare il Conto Corrente in Modo Sicuro

Il conto corrente bancario rende più agevole l’amministrazione dei risparmi e le operazioni di entrata e di uscita del denaro (spese, prelievi). La banca custodisce i tuoi risparmi in totale sicurezza sull’ammontare della cifra e sulle rendite vincolate. Inoltre fornisce al cliente una serie di operazioni di accredito sui pagamenti delle bollette, sugli incassi, sul libretto degli assegni, sullo stipendio, sui bonifici bancari e sulle carte di credito.

Prima di aprire un conto, pondera bene la convenienza dei costi di ciascuna prestazione che eventualmente, qualora tu lo decida, ti verrà accreditata sul conto corrente. Quando, poi, avrai scelto la tipologia di conto presenta in banca il tuo documento di identità valido, altrimenti l’operatore non potrà procedere con la stipula del contratto e la conseguente tua sottoscrizione.

Ma quali sono le reali esigenze per aprire un conto? Valuta quante operazioni al mese tu abbia intenzione di effettuare su un eventuale conto, poichè il variare dei costi cresce esponenzialmente in rapporto al numero dei movimenti. Chiedi alla banca quali cautele adottare a garanzia di sicurezza onde evitare eventuali frodi. Consulta anche il sito internet della tua banca nella pagina dedicata alle condizioni di sicurezza. Questo è importante soprattutto per quanto riguarda i conti on line.

Usa, come strumento di garanzia nei pagamenti, la carta di credito che, oltre tutto, non comporta spese aggiuntive per il cliente. I prelievi di contante allo sportello, invece, possono generare spese aggiuntive. Per evitarle è opportuno che tu preveli denaro dagli sportelli automatici, quelli allocati all’entrata delle banche.

Come Investire in Modo Sicuro

Investire senza rischi è da sempre la preoccupazione del risparmiatore quando deve scegliere un investimento. Questa preoccupazione si è accentuata dopo che la crisi in atto ha dimostrato che non esiste investimento senza rischio.

Prima della crisi il massimo della sicurezza per un investimento erano sicuramente i Bot e i titoli di Stato in genere, sicurezza che è venuta meno dopo che la congiuntura economica negativa ha dimostrato che anche gli Stati possono fallire. Forse si può realmente investire senza rischi nei titoli di Stato tedeschi, ma è bene sapere che essi offrono rendimenti addirittura negativi.

Per cui possiamo soltanto consigliare di rispettare alcune regole fondamentali per controllare il rischio degli investimenti. Le possiamo così riassumere
analizzare bene le proprie caratteristiche di investitore ed il proprio grado di rischio sopportabile, soprattutto emotivamente;
lo scopo dell’investimento è quello di proteggere i propri risparmi dall’inflazione, per cui è bene nvestire in strumenti finanziari che conservino nel tempo il valore di acquisto e che aumentino il loro valore reale;
una riserva di liquidità per far fronte agli imprevisti va sempre accantonata; detenere liquidità in eccesso, ad esempio su un conto corrente, è invece dannoso perchè vuol dire far perdere potere di acquisto ai propri risparmi, in quanto i tassi di interesse reali sulle disponibilità liquide sono negativi. Inoltre, se si considera che anche le banche sono soggette a fallimento, per cercare di investire senza rischi è molto meglio avere un portafoglio diversificato e allocato professionalmente che non il cash sul conto in banca;
per almeno il 90% dei risparmiatori investire senza rischi significa impiegare i risparmi comprando titoli obbligazionari a breve termine e titoli indicizzati all’inflazione;
il controllo del rischio di un portafoglio obbligazionario è raggiungibile attraverso una diversificazione di diversi emittenti, rating, duration, settori economici, settori geografici e obiettivi di rendimento. Concentrare gli investimenti su pochi emittenti anche con tripla A può essere una scelta fatale per il portafoglio;
in momenti contingenti molto negativi diversificare investendo anche in beni reali, come immobili, oro, arte, ecc.;
investire senza rischi selezionando sempre strumenti finanziari liquidabili in qualunque momento e ai prezzi di mercato;
disinteressarsi della maggior parte delle informazioni che riguardano l’andamento di breve periodo dei mercati, perchè non solo è una perdita di tempo ma potrebbe essere anche controproducente, perchè può portare ad avere reazioni emotive irrazionali.

Molto interessante.

Cessione del Quinto Compass – Caratteristiche

La cessione del quinto è una soluzione che viene proposta ai lavoratori dipendenti quando hanno bisogno di un finanziamento. Si tratta di un prestito concesso a coloro che lavorano sia nel settore privato che nel settore pubblico.

Compass propone una soluzione come cessione del quinto semplice da richiedere e dedicata, tra gli altri, specificatamente ai lavoratori del settore privato, fino a 30.000 euro.

Con la cessione del quinto di Compass puoi avere un prestito che arriva anche fino a 30.000 euro e che puoi rimborsare entro un periodo massimo di 10 anni.

Per poterne far domanda non devi far altro che presentare la tua ultima busta paga.

Dopo aver presentato la domanda di cessione del quinto, solitamente entro poco tempo ricevi la risposta di fattibilità da parte di Compass. Qualora questa sia positiva potrai ricevere la somma di denaro che hai richiesto entro pochi giorni.

Compass consente di sottoscrivere questo finanziamento anche come prestiti per cattivi pagatori.

Per avere più informazioni sulla cessione del quinto di Compass, oltre che su altri prestiti personali Compass, è possibile contattare il servizio clienti seguendo questa guida su Numeriassistenzaclienti.net o accedendo al sito dell’azienda.

Come Funziona lo Stop Loss

Lo stop loss, letteralmente “stop alla perdita“, è una strategia per chiudere una posizione quando si è raggiunta una perdita prestabilita. Si tratta di ordini di vendita inseriti presso il proprio broker ad un livello più basso del prezzo di acquisto, subito dopo aver aperto la posizione in borsa. Lo stop loss può essere inserito in automatico, nel trading online, direttamente attraverso la piattaforma di banking online (la maggior parte delle piattaforme di trading fornisce questo strumento operativo).

Con lo stop loss, quindi, si tende a salvaguardare il capitale investito, nel caso in cui l’andamento della borsa avesse una direzione negativa, smobilizzando una posizione che continua a perdere, e questo vale tanto per le azioni quanto per i Fondi o gli Etf. Lo stop loss è la strategia più efficace da adottare per la gestione del rischio di investimento. Facciamo un esempio.

Compro delle azioni e, in base alla mia propensione al rischio, posso mantenere la posizione fino a quando non arrivo a perdere il 10%. In questo caso scatta lo stop loss che ho già inserito online al momento dell’acquisto (o dovrò subito dare ordine alla mia banca nel caso non operassi via internet) e la posizione viene subito liquidata, evitando quindi che la perdita possa diventare molto più consistente. Lo stop loss ha una funzione protettiva, in quanto mi deve mettere in condizione di recuperare le perdite spostandomi su un altro investimento. Non bisogna mai insistere sullo stesso titolo che presenta un trend ribassista.

Questo aspetto viene sempre trascurato o poco considerato, a causa di una mancanza di metodo e disciplina. Sono molti gli investitori italiani che si ritrovano sul proprio dossier azioni Telecom Italia a 8 euro (oggi vale 1 euro circa), Seat Pagine Gialle a 2 euro (oggi vale pochi centesimi), oppure Tiscali a 30 euro (oggi vale meno di 1 centesimo), e lo stesso si potrebbe dire per alcuni fondi azionari o addirittura obbligazionari.

La strategia dello stop loss nel trading online deve essere ferma e determinata. Certamente può accadere che si verifichi un rimbalzo, ma di solito capita che le perdite si amplifichino e anzichè chiudere ad un -10% chiudiamo ad un -30%, quando ormai rassegnati, saremo costretti allo stop loss dalla disperazione. Quindi, ripetiamo, metodo e disciplina sono elementi indispensabili per evitare perdite consistenti.

Per quanto riguarda l’entità dello stop loss, dipende dalla propensione al rischio di ciascun investitore. C’è chi è disposto a perdere non più del 5-10%, mentre altri accettano un tetto più alto.

Chi opera in borsa e investe improvvisando, di solito spera che le piccole perdite possano essere recuperate velocemente e teme che i piccoli profitti possano subito riassorbirsi. Questa errata impostazione porta l’investitore non professionista a realizzare spesso perdite pesanti, anche del 30-40%, su azioni che sono state mantenute senza stop loss. Per correggere questo atteggiamento occorre avere una precisa strategia operativa, cioè avere le idee chiare sui livelli di profitti (stop profit) che si vogliono realizzare e sulle perdite che si è disposti a subire. Per ogni investimento si devono stabilire dei paletti di uscita sia in profitto sia in perdita. La scelta può essere effettuata personalmente o con l’aiuto di un consulente (promotore finanziario, banca).

Concludendo, è valido dunque il detto borsistico tagliare le perdite e lasciare correre i profitti.

Copyright Indipendente Lucano 2019
Shale theme by Siteturner