Come Investire Durante la Crisi

Se sei stufo di lasciare i tuoi soldi sul conto corrente a tassi nulli o irrisori, ma nello stesso tempo temi il cambiamento e non ti sai orientare nella miriade di offerte che ti vengono proposte da banche e assicurazioni, qui ti suggeriamo semplici regole da seguire, valide sempre, per non fare mai l’investimento sbagliato e dormire sonni tranquilli.

500 miliardi di euro fermi nel conto corrente
E’ di recentissima pubblicazione un articolo sul quotidiano Sole24 ore che fa un’analisi di quanti soldi gli italiani hanno sul conto corrente bancario e postale: quasi 500 miliardi il dato rivelato, circa 147.000 euro pro-capite.

A dispetto della crisi finanziaria e del lavoro, gli italiani hanno ancora molta liquidità potenzialmente da investire, risparmi accumulati dai giovani lavoratori del welfare state post seconda guerra mondiale. Per quale motivo però questo denaro viene lasciato dormiente e non investito in titoli di stato, buoni fruttiferi, conti deposito? Il motivo principale è: la paura.

Le esperienze che ci vedono coinvolti nel crack finanziario Parmalat e un po’ meno con i bond argentini spaventano gli italiani che pensano, giustamente, a proteggere il proprio capitale piuttosto che cercare interessi.

Capitale garantito e interesse? Certo che si può
Se è un dato di fatto in finanza che un tasso elevato equivale ad un rischio maggiore, avrebbe dovuto far pensare non poco gli interessi fino al 14% che offrivano i bond argentini prima del fallimento.

Molto spesso gli investitori poco prudenti si ritrovano nei guai per un motivo: sono poco informati dei rischi a cui vanno incontro e si fidano delle parole di promotori bancari di dubbia professionalità e trasparenza. Per conoscere le banche più sicuri vedi Rating conti depositi.

Il web, attraverso i forum e i siti specializzati, è invece una fonte di ricerca incredibilmente utile e le offerte degli ultimi anni sono assolutamente vantaggiose sia che si parli di conto corrente, conto deposito e ultimamente anche le polizze vita di gruppi importantissimi come Generali e Unipol si stanno orientando all’online abbattendo i costi di agenzia. Risultato e vantaggio per il risparmiatore? Tassi più alti e costi azzerati.

Le 5 regole di ogni investimento sicuro
Il capitale garantito
Sembra scontato quando si parla di obbligazioni, depositi o polizze ma non sempre lo è. Parliamo per esempio di un BTP scadenza 5 anni. In questo caso essendo un titolo di debito emesso dallo Stato Italiano abbiamo la certezza alla fine dei 5 anni del nostro capitale più la cedola annuale dal risultato delle aste.

Il capitale non è però garantito in caso di rimborso anticipato in quanto il valore di mercato del titolo potrebbe essere, durante la durata del prestito, inferiore al valore nominale istituzionalmente convenzionalmente sotto il 100. Il discorso del rimborso anticipato è molto importante per far fronte agli imprevisti della vita, ciò non vuol dire che si sconsiglia un investimento in titoli di stato, ma semplicemente bisogna tenere conto di questo aspetto.

Allo stesso modo un conto deposito può prevedere lo svincolo anticipato o meno, sapere cosa si sottoscrive ci mette al sicuro.

Chi garantisce, la normativa e i costi
Ok ho deciso che farò un investimento a capitale garantito a scadenza preservandomi la possibilità di riscattare anticipatamente senza perdite. Ma ben diverso è avere la garanzia del FITD o della CDP (cassa depositi e prestiti) rispetto a quella di una società, per quanto questa sia importante. In questo senso il conto deposito o i buoni fruttiferi postali sono più sicuri di una obbligazione societaria a capitale garantito.

La normativa Fitd per esempio tutela anche in caso di default di una banca, perché i depositanti sono tutelati da un fondo interbancario, fino a 100.000 euro. Superare quella cifra espone a rischi. Infine i costi collegati all’investimento: i costi molto alti di caricamento o riscatto di quasi tutte le polizze vita sul mercato potrebbero incidere e non poco anche sul versamento iniziale, oltre che non dare interessi e vincolarci per molti anni all’assicurazione.

La durata dell’’investimento
Risulta essere fondamentale avere le idee chiare di quanto si vuole far durare un investimento. Per una durata breve (12-24 mesi) un conto deposito, per le sue caratteristiche, è la scelta ottimale, per una durata media (3-5 anni) ci sono polizze vita come quelle online di Genertellife o Linearlife che non hanno alcun costo e hanno il vantaggio della gestione separata, svincolo anticipato e senza penali per il riscatto. Stesso suggerimento è valido per i PAC (piani di accumulo capitale).

Per lunghe durate (oltre 5 anni) i buoni fruttiferi postali indicizzati all’inflazione rappresentano la garanzia su tutto (protezione dall’inflazione, capitale garantito, sia alla scadenza che allo svincolo).

Battere l’inflazione
Se consideriamo la media degli ultimi 10 anni (2%) e quella degli ultimi 20 anni (2,5%) dell’inflazione italiana (dati ISTAT) il tasso da scegliere al netto di ogni costo, tassazione compresa, non dovrebbe stare al di sotto di questi valori. Con WeBank vincolato a 12 mesi, 2,4% netto, siamo tranquilli.

Diversificazione ovvero suddividere il capitale disponibile in più parti
Partendo da una base di 100, 20% potrebbe per esempio essere destinato ad un deposito libero, un altro 30% ad un deposito vincolato massimo 24 mesi, il restante 50% tra bfpi e una polizza vita accuratamente scelta, per esempio Sicuramente di Genertellife. In questo modo si otterranno tutti i benefici offerti da ogni forma di investimento, senza rischiare nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright Indipendente Lucano 2019
Shale theme by Siteturner